LE ESSENZE FLOREALI PER IL CUCCIOLO

…La felicità è un cucciolo caldo…

Le essenze floreali sono rimedi curativi energetici utili a ripristinare uno stato emotivo alterato. Agiscono come catalizzatori andando a risolvere emozioni negative scatenate da traumi, esperienze di vita sfavorevoli, incidenti, aiutando ad elaborare vissuti difficili (anche fetali) e portando alla luce le qualità positive che risiedono intimamente in ciascun essere vivente. La loro attivazione consente di sostituire la paura con il coraggio, la possessività con la condivisione, l’insi­curezza con la fiducia in se stessi, e così via.

Contengono l’energia del fiore infuso nell’acqua, veicolo per eccellenza dell’informazione. La frequenza generata interagisce con il campo energetico dell’animale calmando la mente, creando benessere, favorendo l’armonia spirituale.

Non modificano il carattere, non cambiano l’animale, ma se ognuno di noi possiede un lato negativo/alterato e un lato positivo di ogni aspetto del proprio carattere e della propria emotività, l’essenza permette di elaborare il lato negativo e di conseguenza il portare in superficie quello positivo.

Le emozioni negative non permettono a nessuno di vivere felicemente, serenamente, perchè creano intorno a noi un’aura lugubre, pesante, che toglie giorni alle nostre vite. Liberarsene attraverso le vibrazioni positive ci permette quantomeno di sopravvivere alle avversità, se non addirittura aiutarci a vedere la bellezza che risiede in una relazione, a vivere ogni istante con fiducia, a dormire senza incubi e paure.

Il dottor Edward Bach fu il primo negli anni ’30 del ‘900 ad accogliere il messaggio delle piante e a intrappolare le essenze floreali nelle famose bottigliette di vetro scure con contagocce. Le sue 38 essenze provvengono per la maggior parte dalla Gran Bretagna (tranne alcune tipicamente italiane). 

Negli anni ’70 poi Ian White in Australia e Katz e Kaminsky in America (California) svilupparono sugli insegnamenti di Bach rispettivamente i Bush flowers Australiani e le FES Californiane.

Rispetto al repertorio di Bach, che include essenze base, Ian White rappresenta essenze molto potenti, che agiscono rapidamente. Katz e kaminsky invece sviluppano una modalità di azione più profonda, che va a lavorare sul lungo periodo. Entrambi questi repertori sono molto specifici ed attuali nelle emotività da trattare.

Ma veniamo al tema dell’articolo…

LE ESSENZE PER IL CUCCIOLO

Esistono delle essenze per i cuccioli? Ovvero, i cuccioli possono vivere degli stati emotivi negativi e avere quindi bisogno di riequilibrare le sensazioni che provano rispetto la vita, i fratellini, la mamma, gli antenati, o i futuri compagni di vita umani?

Ebbene si, perchè purtroppo i cuccioli sono spugne emotive, sono l’empatia formato essere vivente, sono coloro che capiscono ma non comprendono fino in fondo il perché, sono la genuinità, profumano di innocenza.

Purtroppo alle volte questa innocenza subisce delle aggressioni che se non lenite e rimarginate possono accompagnare l’animale lungo tutto il percorso della vita, come un peso, come una zavorra che ne impedisce la gioia e la resilienza.

Non hanno effetti collaterali, non danno dipendenza (non sono psicofarmaci), e si possono utilizzare insieme ad altri trattamenti.

SHOOTING STAR

Rimedio californiano per il cucciolo nato prematuro o con sofferenze neonatali.

Aiuta ad integrare l’anima con il corpo fisico.

CALIFORNIAN WILD ROSE

Rimedio californiano per quei cuccioli con poco interesse nel mondo che li circonda, apatici, inappetenti, poco vitali a causa di parti difficili per esempio.

WALNUT

Rimedio di Bach per l’adattamento alle nuove situazioni, al cambio di alimentazione, al cambio di casa, alla perdita della mamma.

Allo stesso modo BOTTLEBRUSH e BAUHINIA che aiuta nello svezzamento

MIMULUS

Rimedio di Bach per il cucciolo estremamente pauroso, che salta anche per la foglia che cade dall’albero.

EVENING PRIMEROSE

Rimedio che aiuta a superare le esperienze di rifiuto vissuto nell’utero materno o nella prima infanzia (non per forza della madre ma anche dell’essere umano)

HEATHER 

Rimedio per il cucciolo accentratore di tutte le attenzioni, che ruba le ciotole dei fratellini, che è sempre il primo e unico a prendersi le coccole e la scena.

TIGER LILY per coloro che sono convinti di dover sempre lottare per ottenere affetto.

Invece BUTTERCUP e CENTAURY per coloro che nelle cucciolate sono sempre i più fragilini, che non lottano.

OLIVE  

Rimedio tonico, utile nell’anemico.

Allo stesso modo MACROCARPA

MONGA WARATAH  

Rimedio che aiuta nel distacco.

oppure FIVE CORNER  che permette di avere fiducia nell’ambiente.

TALL YELLOW TOP  

Rimedio utile per la consapevolezza di “essere a casa”, di sentirsi integrati in una nuova realtà familiare.

MANZANITA  

Rimedio per l’inappetenza, per disturbi alimentari in eccesso.

SAINT JOHN’S WORT

Rimedio per quei cuccioli estremamente sensibili, che captano le inquietudini di chi vive con loro, che fanno spesso incubi. Questa essenza li protegge dalle energie sottili.

BABY BLUE EYES

Rimedio californiano indicato nei rapporti problematici con le figure maschili. Anche per quei cuccioli aggrediti dal maschio interessato alla mamma.

CLEMATIS

Rimedio inglese per tutti quei nati in condizioni tragiche, tra la vita e la morte, che fanno fatica a incarnarsi nel corpo fisico.

Utile anche RED LILY

LARCH

Rimedio inglese per una maggiore fiducia in se stessi.

ECHINACEA

Rimedio che permette di ritrovare l’integrità in seguito a esperienze devastanti.

Insieme a SELFHEAL lavorano sulla prevenzione nel sistema immunitario.

JOSHUA TREE

Rimedio utile per staccarsi dalle influenze ereditarie negative.

Come BOAB lavorano sul concetto di memorie genetiche di specie.

CHICORY

Rimedio per le mamme troppo possessive .

FAIRY LANTERN

Rimedio per il radicamento, per animali estremamente dipendenti. Per i neonati che non si attaccano alla mammella, rachitici.

Anche ROSEMARY promuove l’attaccamento alla mammella in quei soggetti freddi, più di la che di qua.

BUSH FUCHSIA

Rimedio per la coordinazione motoria in quei gattini affetti da patologie neurologiche.

O per coloro che provano malessre in macchina

ANGELICA

Rimedio per il passaggio alla vita, per il coraggio di proseguire. utile nel cucciolo che sente incertezza nell’altro e trasale.

MARIPOSA LILY

Rimedio californiano utile per cuccioli adottati troppo presto che hanno ancora bisogno delle cure materne, o dove la mamma è morta prematuramente lasciandoli orfani.

Aiuta a sentire l’amore materno.

PENSTEMON

Rimedio utile per quei cuccioli nati con handicap fisici che possono minare l’autostima e il coraggio dell’individuo o che lo portano ad essere bersaglio di bulli.

STAR OF BETHLEHEM

Rimedio per eccellenza dei traumi. Il cucciolo può subire un trauma al momento del parto, durante l’infanzia in allevamento o in gattile, può assorbire il trauma che la mamma ha subito mentre era incinta.

Allo stesso modo FRINGED VIOLET

MADIA

Rimedio i cucciolotti-adolescenti che faticano ad apprendere durante le lezioni in campo, molto vivaci, che faticano a stare fermi e attenti per lungo tempo, i classici Vata ayurvedici. Quelli che 1 ne fanno e 10 ne pensano.

HONEYSUCKLE

Rimedio della nostalgia, che permette di vivere nel presente e lasciare andare il passato.

FLANNER FLOWER

Rimedio dell’espressione corporea, per quei cuccioloni tanto- troppo fisici :-). Aiuta a godere delle coccole, a farsi toccare nelle terapie.

BLUEBELL

Rimedio per quei cucciolotti estremamente possessivi, che hanno paura della privazione, che se anche c’è ne è per tutti sembra che non c’è ne sia mai abbastanza per loro.  

BUSH GARDENIA

Rimedio utile nei rapporti all’interno del nuovo nucleo familiare, migliorando la relazione tra le varie specie, individui, componenti.

Come anche SLENDER RICE FLOWER

CORN 

Rimedio utile per quei cuccioli nati in campagna, in ambienti rurali, aperti, ampi, che si devono adeguare ad una nuova vita in città, in appartamento, nel parco con mille altri cani.

Nelle situazioni di emergenza c’è sempre il nostro RESCUE REMEDY di Bach.

Ovviamente non mi stancherò mai di ripetere come tutte queste essenze fanno effetto laddove siano prima ben sondate le dinamiche emozionali ed etologiche dell’individuo, dove ci sia rispetto della speciespecificità. E inoltre, anche qui il fai-da-te serve molto poco perchè purtroppo le essenze che si possono utilizzare in una miscela sono pochissime (si contano sulle dita di una mano) e vanno scelte accuratamente perchè “funzionino”.

Infine, quando vi viene consigliata una miscela da un professionista dovete attenervi alle indicazioni d’uso se volete un risultato: le essenze lavorano in base al numero di somministrazioni giornaliere e non alla quantità di gocce assunta.

Lavorare con le essenze floreali significa premura, amore, rispetto,  attenzione verso l’altro. Si servono di una relazione profonda per lavorare. Dove questo impegno manca si trasformano in acqua fresca.

A presto amici

Al prossimo articolo

Non mancate!

Stella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *