LE COSTITUZIONI NATUROPATICHE IN VETERINARIA

La naturopatia è quella medicina che ripristina e  preserva attraverso rimedi naturali l’equilibrio dell’organismo. Quando c’è equilibrio mente e corpo sono in perfetta forma e scambiano informazioni sane. 

La malattia invece è il risultato dell’alterazione dell’omeostasi dell’organismo. Basta un solo aspetto che si alteri per creare un vero e proprio mulinello tipo domino a cascata. 

Secondo Constantin Hering esistono 3 leggi che la guarigione segue per riportare il corpo in equilibrio:

  1. la guarigione procede dal mentale al fisico, dall’alto al basso, dal treno anteriore al posteriore
  2. in un secondo momento la guarigione procede dall’interno all’esterno ovvero dagli organi più vitali a quelli periferici (cute)
  3. i sintomi scompaiono in ordine inverso alla loro comparsa.

 

Seguendo queste leggi poi in Naturopatia la malattia segue un percorso di gravità in 6 fasi (fasi che rispecchiano il processo di intossinazione del corpo):

  1. ESCREZIONE Eliminazione aumentata, rispetto a quella fisiologica, di tossine attraverso gli emuntori rene, fegato, cute, intestino, polmone
  2. INFIAMMAZIONE carico tossinico eccessivo per la tolleranza fisiologica che porta il sistema immunitario a creare una reazione per convogliare attraverso il calore il carico all’esterno
  3. DEPOSITO inizia l’accumulo delle tossine nei distretti della matrice extracellulare (mesenchima) Es. Cisti, Fibromi, Calcoli
  4. IMPREGNAZIONE A questo punto le tossine in eccesso impregnano il parenchima ovvero viene intaccato il sistema enzimatico intracellulare e la cellula non può più espletare le sue funzioni 
  5. DEGENERAZIONE nelle costituzioni forti si arriva alla 5°/6° fase. Qui vengono inficiati i meccanismi di macrodifesa dell’organismo (Fase di distruzione)
  6. NEOPLASIA danno intracellulare con attacco al nucleo della cellula (possibilità di mutagenesi) Fase terminale di vita – Solo nelle costituzioni forti, è possibile una dicariazione e la salvezza dell’animale.

 

Il sovraccarico tossinico può essere causato da agenti ambientali, da emozioni negative e traumi, da eccessiva assunzione di farmaci e vaccini, da un’alimentazione errata (colle-carboidrati e cristalli).

Per capire come agire sulla malattia e sull’organismo, il Naturopata del benessere animale va ad indagare, prima di ogni altra analisi, la costituzione a cui appartiene quel determinato individuo.

Le Costituzioni rappresentano l’insieme delle caratteristiche morfo-fisio-psicologiche e genetiche (ereditarie), stabili e poco modificabili, in grado di influenzare la reattività di un individuo nei confronti della vita e della malattia. A seconda della propria costituzione ogni individuo ha dei tessuti o degli organi più o meno resistenti, verso i quali si può indirizzare lo squilibrio. Ad ogni costituzione, che può anche essere mista, l’approccio naturopatico indirizzerà un diverso meccanismo di azione, cucito su misura.

SULFURICA

Il sulfurico è un soggetto armonioso, proporzionato, con una buona plasticità ossea strutturale che non si frattura mai o comunque ripara velocemente (ottimo grado di mineralizzazione), slanciato, con arti muscolosi ma ben proporzionati. Il mantello è soffice, brilla al sole. E’ il soggetto ideale, ipervitale, dotato di buon equilibrio psicofisico, che gestisce senza problemi lo stress e il carico tossinico (non va in sovraccarico perchè i suoi emuntori hanno un ottima capacità eliminativa). Fuoco digestivo al top, mangia il giusto e assorbe perfettamente senza disturbi gastrointestinali, non ingrassa. Soggetto atletico adatto allo sforzo (non gli verranno tremori). Si ammala molto di rado e in caso recupera velocemente e alla perfezione, non presenta patologie di tipo cronico.

La funzionalità emuntoriale è concentrata sulla cute: quindi sarà suscettibile a rush cutanei, orticaria, ascessi che spurgano.

L’INDIVIDUO RARO, MA PERFETTO!

CARBONICA

La struttura fisica del soggetto carbonico è compatta tendente al massiccio e alla dilatazione del ventre. Non molto lungo, con spalle solide ma collo taurino, arti corti e muscolosi. Grande plasticità con ossa e legamenti robusti, ottima dentatura (non soggetti a carie e con denti ben allineati) mineralizzazione. E’ un soggetto caloroso, ama il freddo. Buone capacità digestive di cui però tende ad abusare mangiando eccessivamente e sovraffaticando l’emuntore seppure abbia buone capacità di escrezione. Può incorrere in problemi di ritenzione, inceppando il sistema linfatico. Tende ad ingrassare e ad avere problemi respiratori sovraffaticando il polmone soprattutto con colle (accumulo di muco). Può avere diarrea ma non vomita mai! Non va in colica!
Ha buone capacità di gestione degli stressor (no nevrosi!), ma tende ad essere estremamente abitudinario (se cambia qualcosa nella sua routine va in crisi, ha bisogno di tempo per abituarsi, si innervosisce di conseguenza ma il suo stress dura poco). E’ un soggetto vitale e gioviale, ama la compagnia. E’ un ottimo animale nell’apprendimento, posato, tranquillo, che ci tiene a compiacere, ottima concentrazione, da tutto se stesso nel lavoro (OCCHIO A NON ABUSARNE!) e se non può dare patisce.
 
NON E’ DEBOLE, ESAGERA!

FOSFORICA

La struttura morfologica del soggetto fosforico è  longilinea, snella, magra, con arti lunghi e sottili, armonico nei movimenti, leggero, orecchie grandi, viso piccolo allungato.
Si muove in modo aggraziato, elegante ma ha una struttura scheletrica fragile (tendenza alla demineralizzazione e alla frattura, è il tipico soggetto che nasce con displasia!). Non prende peso, mangia poco, ha un fuoco digestivo debole, assorbe poco e male (schizzinoso, vomita spesso! Attenzione con la BARF, non è in grado di digerirla, occhio al cibo industriale perchè lo indebolisce ancora di più). Ha una tendenza all’acidosi, soffre di problematiche reumatiche. Ha una scarsa resistenza fisica (è il classico esempio da agility, poco, intenso, breve). E’ freddoloso. Da un punto di vista caratteriale, è creativo, curioso, mai fermo (iperattivo a livello nervoso, si stressa anche facilmente), dorme poco e male, fa incubi, è pauroso e ansioso, è lunatico. Adora la vita all’aria aperta ma si distrae facilmente (difficile da educare, si annoia facilmente), ha bisogno di tante sollecitazioni diverse, non è mai del tutto soddisfatto (PROPRIO PER QUESTO GESTISCE MOLTO BENE PERO’ TUTTI I CAMBIAMENTI). E’ un soggetto tendenzialmente malaticcio data la sua bassa energia vitale già dalla nascita che va depauperandosi velocemente.
 
NON ABUSA, PERCHE’ NON PUO’!

FLUORICA

Il soggetto fluorico è un individuo magrissimo, curvo, molto lungo e scavato ma spesso con l’addome gonfio. Presenta una disarmonia globale, con iperlassità dei legamenti, tanto da poterlo paragonare a un contorsionista. Ha una forte tendenza alla demineralizzazione (perde i denti, soggetto a carie), il sistema immunitario è debolissimo (scolo nasale costante) che non recupera mai del tutto neanche se supportato, tendente alla cronicizzazione, alle recidive, all’accumulo, alle infezioni. E’ un soggetto poco vitale, con una bassissima energia vitale che lo porta ad avere un sistema nervoso estremamente labile (molto attivo, soffre molto, non dimentica i torti subiti, se viene maltrattato è il classico animale che somatizza e non si riprende più, che muore di mal di cuore, è sempre velatamente triste), ha una predisposizioni ai disturbi mentali, alle malattie mentali subdole, tanto da definirlo “soggetto border line”, oscillante costantemente tra lo stato normale e la malattia. E’ il creativo all’eccesso, con le sue forme di distruzione, autodistruzione, anarchia, disorganizzazione. E’ il soggetto che nasce già in condizioni gravissime e che muore dopo poche settimane di vita. E’ incompatibile con la selezione naturale. Molto rarar la costituzione pura, più facile trovarlo misto alla fosforica.

INESISTENTE IN NATURA, RARO NELLE NOSTRE CASE!

Per concludere, lo studio delle costituzioni è importantissimo nelle decisione della terapia attraverso la quale trattare il singolo individuo, soprattutto in naturopatia dove non si può drenare (le famose detox week) chiunque, dove è necessario valutare l’andamento dello squilibrio, la resistenza, e la capacità di ripresa prima di iniziare un percorso, dove è necessario capire come un individuo si pone con l’ambiente circostante, con i suoi simili e le persone di riferimento.

 

LA NATUROPATIA E’ QUELLA MEDICINA SARTORIALE CHE SI OCCUPA DEL TUO ANIMALE PRENDENDOSENE CURA A 360° + 1° 😉

A presto amici

Al prossimo articolo

Non mancate!

Stella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *